Support
Workshop del Comitato Regionale sul tema della lingua dei segni (LIS) - Croce Rossa Italiana Comitato Municipio 8-11-12 di Roma


Il Presidente De Nardis, rimarcando come il Comitato Regionale ha da sempre una particolare attenzione al tema, ha esposto come il progetto sia pienamente in linea con il mandato ricevuto con la Strategia 2030, intendendo iniziare – parafrasando proprio quanto contenuto nella Strategia - un percorso di integrazione delle attività didattiche e sociali per garantire che le persone possano acquisire le competenze necessarie per proteggere la propria salute e quella degli altri in tutte le fasi della loro vita.
La proposta è quella di “migliorare lo sviluppo dei programmi, individuare e consolidare standard; dare supporto alle persone vulnerabili […] preparare i volontari, i professionisti e i collaboratori della CRI affinché siano pronti a intervenire attivamente nelle situazioni di vulnerabilità, trasmettendo loro competenze e strumenti adeguati con corsi di formazione specifici”
De Nardis ha, altresì, colto l’occasione per ringraziare i Volontari per le attività svolte durante il “Tempo della gentilezza” nei servizi di emergenza, di consegna farmaci e di raccolta e distribuzione dei viveri. Inoltre, ha espresso particolare ringraziamento al Presidente Rocca per il forte impegno e sostegno di questo periodo, che si rafforza con il nuovo mandato.
L’intervento di Maria Luisa Franchi si è focalizzato su una panoramica generale relativa alla LIS ed al mondo della sordità, con l’obiettivo di fornire ai Volontari presenti un primo approccio ad un mondo ancora non esplorato, per la comprensione del quale occorre dotarsi dei necessari strumenti comunicativi e chiavi di comprensione. A fine intervento i suoi ringraziamenti sono andati ai volontari intervenuti, segno della sensibilità che Croce Rossa ha verso il tema della sordità.


I lavori hanno visto la testimonianza concreta del Comitato Municipi 8-11-12 di Roma in merito al corso “pilota” MSP in LIS organizzato e realizzato con CREI a dicembre 2019 dalla volontaria Francesca Grillo con un team di istruttori di manovre salvavita; è altresì intervenuta una discente del corso la quale, oltre ad aver espresso la propria soddisfazione per l’utile esperienza formativa, ha altresì evidenziato le difficoltà riscontrate, quotidianamente e rese ancora più accentuate nel periodo dell’emergenza sanitaria appena trascorsa, in merito alla comunicazione con le strutture sanitarie in genere.
CRI, sensibilizzata sul tema, sta già lavorando per migliorare questi aspetti per non lasciare indietro nessuno.
Il workshop si è concluso con l’intervento di Luigi Cirulli il quale ha manifestato, a tutti i presenti intervenuti, la disponibilità del Comitato Regionale del Lazio allo sviluppo ed all’implementazione di nuovi percorsi formativi che tengano in conto la specificità della platea delle persone sorde con l’obiettivo di dotare i Comitati di standard qualitativi scalabili e replicabili da altre realtà territoriali di Croce Rossa Italiana.

 

12 lis

 


AdmirorGallery 5.1.1, author/s Vasiljevski & Kekeljevic.
Website security test completed by