Support
Home - Croce Rossa Italiana Comitato Municipio 8-11-12 di Roma

Le festività sono terminate da poco, ma non possiamo non ricordare con affetto la consueta festa di Natale, svoltasi nel reparto di pediatria e chirurgia pediatrica del San Camillo, organizzata dal nostro Comitato.

I regali, come oramai da tradizione, sono stati offerti dall'azienda TNT e consegnati dal papa' di una nostra volontaria, in rappresentanza dell'azienda per cui lavora.
I bimbi, ma anche i genitori, sono rimasti sorpresi ed entusiasti alla vista di Babbo Natale e la festa è stata un vero momento di gioia.

 
natped011
 

Un ringraziamento particolare va nuovamente alla TNT che, anche quest'anno, ci ha permesso di regalare un sorriso ai bimbi ricoverati nei reparti. Un grazie di cuore anche a tutti i nostri volontari, che durante tutto l'anno prestano servizio nel reparto, e alla nostra Presidente che ha reso possibile la collaborazione con l'azienda di spedizione.

Photo Gallery

natalecri17

raccalim2dic

Nei giorni 3 e 4 Novembre si è svolto il primo corso per “Operatori in Ambiente Alluvionale” organizzato dal Comitato di Orte e dalla nascente Scuola di Formazione Regionale.

Il nostro Comitato ha partecipato con 3 operatori OPSA, già in possesso del brevetto di “Operatore Acque Vive”.  Il Direttore del corso, l’Istruttore OPSA Enrico Riccardi, ha voluto concentrare in due giornate di lezioni teorico/pratiche gli argomenti più importanti di questa specializzazione del brevetto OPSA.

Il Comitato di Orte ha messo a disposizione un gommone di recente acquisizione proprio per l’impiego in caso di alluvione. La prova pratica si è svolta nelle acque del fiume Tevere, come per voler esorcizzare un pericolo che, in caso di alluvione, lega Orte alla Capitale.Diversi sono stati gli argomenti trattati durante il corso. Dai DPI (Dispositivi di Protezione Individuale) alla sicurezza degli operatori, ed ancora una lunga carrellata sulle tecniche di intervento, idrologia ed orografia.

La Croce Rossa, ed in particolare la Regione Lazio, possono oggi contare su un nucleo di 8 Operatori in Ambiente Alluvionale, di cui 3 facenti parte del nostro Comitato. La squadra Poseidone del Comitato 8-11-12 di Roma si riconferma, come sempre, al primo posto nell’Area Metropolitana di Roma con il maggior numero di operatori OPSA specializzati.

 

corso alluvionale 04112017 00054

Uno scontro fra treni alla stazione Trastevere, molti feriti e la macchina dell'emergenza si attiva immediatamente: questo il tema dell'esercitazione che il 21 Ottobre scorso ci ha coinvolto, in stretta sinergia con l' Azienda Ospedaliera San Camillo Forlanini di Roma.

Cinque in totale i feriti gravi:le ambulanze partono alla volta del DEA, che ha già attivato il P.E.I.M.A.F (Piano emergenza massiccio afflusso feriti), ed in pochi minuti tutti i pazienti sono affidati alle cure dei sanitari. Moltissimi i volontari coinvolti a partire dai soccorritori, con la preziosa collaborazione di tutti i nostri truccatori, simulatori ed attori, che hanno reso l'esercitazione quanto più verosimile possibile.

La macchina dei soccorsi ha funzionato alla perfezione, non ostacolando in alcun modo il lavoro del Pronto Soccorso che ha proseguito nella sua normale attività, e permettendo a tutti gli enti coinvolti di testare l'organizzazione ed i tempi di reazione di fronte a un disastro di grande portata.

 

peimaf

È riuscito a salvare il bidello della sua scuola praticandogli il massaggio cardiaco, aiutando il medico scolastico nelle manovre salvavita.

 Gabriele Cicchetta, 18 anni, volontario del nostro Comitato, ha dimostrato come i corsi siano importantissimi. La CRI infatti effettua regolarmente corsi per la  diffusione delle manovre di  rianimazione cardio polmonare e la defibrillazione precoce con il defibrillatore semiautomatico, che dovrebbero far parte di quelle conoscenze di base di ogni cittadino.

 Durante l'ora di lezione, Gabriele, studente del Liceo Scientifico Statale Primo Levi di Roma, è stato chiamato per dare il primo soccorso ad un bidello di sessant'anni colto da malore. In attesa dell'ambulanza, insieme al medico scolastico si è alternato nel massaggio cardiaco all'uomo. Il bidello è stato poi defibrillato ripetutamente finchè all'arrivo dell'ambulanza ha ripreso conoscenza. Ora è ricoverato presso l'ospedale Sant'Eugenio.

 Questa storia ci fa capire, se ancora ce ne fosse bisogno, che laddove in un luogo pubblico ci sia un defibrillatore e delle persone addestrate ad usarlo, le probabilità di sopravvivenza, in caso di arresto cardiaco aumentino notevolmente. La conoscenza delle manovre salvavita e un intervento precoce, come quello di Gabriele e del medico, oltre alla sensibilità dell'istituto scolastico che si è dotato del defibrillatore hanno fatto sì che un uomo sia ancora vivo, ricordandoci ancora una volta che un'adeguata preparazione in tal senso può fare la differenza tra la vita e la morte.

 
  

IMG 20170910 114716